Aller directement au contenu

Les meilleurs lieux de culte recommandés par les habitants de la région

Église
“Baroque Cathedral built after the one that was destroyed. At the entrance there are two white marble statues saved from the old cathedral. Must see! Cattedrale barocca costruita dopo la distruzione della prima. All'ingresso ci sono due statue di marmo bianco salvate dalla prima cattefrale. Da vedere!”
  • 3 personnes du coin recommandent
Église
“Tutti mercoledì alle ore 9,30 Visita guidata al monastero, all'apiario e alla distilleria dei Padri Benedettini(ritrovo presso la portineria in via Santuario 59).”
  • 4 personnes du coin recommandent
Église
“Chiesa protoromanica con cripta interrata fuori dalle mura... affascinante e suggestiva.”
  • 3 personnes du coin recommandent
Église
“La basilica è dedicata a San Nicolò ed è stata costruita dopo il voto dei Pietresi per la liberazione dalla peste. All'interno sono presenti diverse reliquie, statue e cappelle. Si affaccia sulla piazza omonima dove vengono effettuati spettacoli e si tengono molte iniziative.”
  • 2 personnes du coin recommandent
Église
“Abbazzia risalente al XII secolo, unica per la posizione, il parco e l'architettura.”
  • 1 personne du coin recommande
Église
  • 1 personne du coin recommande
Église
  • 1 personne du coin recommande
Église
“ La Chiesa di Santa Maria in Fontibus di Albenga è uno degli edifici cattolici più importanti del centro storico cittadino, sede parrocchiale e posta a poca distanza dalla Cattedrale di San Michele Arcangelo, questa a sua volta sede vescovile. La sua realizzazione si deve probabilmente ai monaci Benedettini, che nel 1098 realizzarono una prima chiesa, in una zona di fonti dalle caratteristiche miracolose, che giustificherebbero così la denominazione della chiesa. L'edificio attualmente visibile, però, è frutto di un lavoro avvenuto prima nel Seicento, precisamente tra il 1612 e il 1625, e successivamente al Novecento, quando parte della campata venne demolita per lasciare spazio alla pregevole facciata in gotico revival con marci policromi, due rosoni laterali e una trifora che sormonta il portone d'accesso. L'interno, a tre navate con archi a tutto sesto e volta a botte, presenta cappelle e altari laterali, conserva alcune opere di pregio. Tra queste, una statua marmorea della Vergine Maria e un Crocifisso di epoca seicentesca, e un quadro della Madonna con santi Cosma e Damiano del 1639. Categoria: Monumenti ed edifici storici Indirizzo: Via Enrico D'Aste, Albenga SV Telefono: +39 0182 5621”
  • 1 personne du coin recommande
Église
“ Per gli appassionati d'arte è d'obbligo visitare la chiesa barocca di S.Matteo all'interno della quale si trovano importanti opere di Domenico Piola e la chiesetta della Madonna delle Penne a picco sul mare. Immancabile la visita al paesino di Colla Micheri, dove ha vissuto il famoso navigatore norvegese Thor Heyerdahl.”
  • 1 personne du coin recommande
Place of Worship
Église
“Categoria: Monumenti ed edifici storici Indirizzo: Viale Pontelungo, 89, Albenga SV Telefono: +39 0182 50700 Descrizione: Il Santuario di Nostra Signora di Pontelungo è uno dei luoghi di culto cattolico più conosciuti di Albenga, una delle due città che fanno a capo della diocesi di Albenga-Imperia. Il nome del santuario deriva da quello del Ponte Lungo, un antico ponte di epoca romana, in buono stato di conservazione, che anticamente permetteva di attraversare il torrente Arroscia, e che oggi è lambito dalla Via Aurelia. In epoca precristiana, alcuni fedeli costruirono in questa zona un ospizio, oltre a una cappella per le preghiere, ma già dal XIII secolo sia l'ospizio che la cappella vennero ampliati, grazie a donazioni e lasciti ereditari. Il santuario vero e proprio nacque soltanto nel Settecento, con lavori che durarono dal 1715 al 1722, e che permisero di ospitare, nel nuovo edificio, il pregevole trittico della Madonna col Bambino e i santi Giovanni Battista e Sisto papa, realizzato da Giovanni Barbagelata agli inizi del XVI secolo. La devozione popolare associa al Santuario un fatto miracoloso avvenuto il 2 luglio 1637, quando un bagliore 'divino' allontanò gli invasori saraceni da Albenga, dopo che avevano devastato Ceriale”
  • 1 personne du coin recommande